Cerca
  • Francesco Potito

Il Re che voleva diventare ricco

Aria estiva, aria di vacanze, al mare o in montagna, per voi una fiaba popolare, facile da leggere, in relax, con spunti economico-finanziari non da poco.


C'era una volta...un re che aveva un forziere piene di monete d'oro. Ma voleva diventare più ricco! Decise che avrebbe affidato una somma di cento monete d'oro a tre dei suoi migliori cavalieri, la loro missione sarebbe "semplicemente" stata di trasformarli in un gruzzolo ancora più consistente.


Il primo cavaliere si chiamava Luigi, decise di viaggiare per terre sconosciute, acquistò nuove merci mai viste nelle sue terre, così al suo ritorno organizzò la vendita delle stesse riuscendo a quintuplicare le cento monete d'oro, divenute ora cinquecento.


Il secondo cavaliere si chiamava Antonio. Fece una cosa diversa: si organizzò con dei mercenari e con la spada ed il fuoco saccheggiò e minacciò i villaggi vicini costringendoli a consegnare quanto più potevano! Con il terrore riuscì ad ottenere lo stesso risultato di Luigi. Cinquecento monete d'oro.


Martino, il terzo cavaliere, scelse ancora una strategia diversa: odiava la violenza ed aveva a cuore i più poveri, decise di darne una parte a chi si fosse ingegnato per migliorare i campi e le coltivazioni ed una parte a chi si fosse occupato degli animali da soma e da trasporto. Con una condizione: ogni anno una parte dei guadagni derivanti da queste attività doveva essere restitutita. Chi si occupò dei campi cominciò a guadagnare talmente tanto che volentieri cominciò a restituire parte dei guadagni e lo stesso accadde con chi si occupò degli animali. Il risultato per Martino fu di aver decuplicato le cento monete d'oro, facendole diventare ben mille!

Martino fu premiato dal re, che lo scelse anche come marito della principessa, sua figlia!

( Fiaba popolare )


Perchè ho deciso di narrarvi questa storia? Semplice! I temi economici affrontati sono:

  1. Investimenti : Il re affida 100 monete d'oro con la missione di accrescerli .

  2. Indebitamento : chi ha ricevuto la fiducia di Martino, dovrà restituirli con un patto, ovvero una obbligazione.

  3. Pianificazione :  Martino aveva in mente un obiettivo chiaro ed ha messo in atto una strategia efficace nel giusto orizzonte temporale.

Buone vacanze! Ci rivediamo a Settembre!






30 visualizzazioni
  • Facebook

Pagina Facebook Potito Francesco FA 

©2019 by PotitoFrancescoFinancialAdvisor. 

Le informazioni riportate non costituiscono né una richiesta, né un'offerta o raccomandazione all'acquisto / alla vendita di strumenti finanziari, all'esecuzione di determinate transazioni o alla conclusione di un'altra operazione di investimento. Queste informazioni hanno carattere unicamente illustrativo.